26 luglio 2019

Recensione "The Winner's Crime. La vendetta" di Marie Rutkoski

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di The Winner's Crime, seguito di The Winner's Curse scritto da Marie Rutkoski. Se non avete letto il primo volume non ci saranno grossi spoiler, in modo che possiate leggere tranquillamente il post e farvi un'opinione generale sulla trilogia.

Ringrazio la casa editrice per avermi fornito una copia gratuita!

Titolo: The Winner's Crime. La vendetta
Serie: The winner's Curse 2
Autore: Marie Rutkoski
Pagine: 304
Editore: Leggereditore
Anno: 2019
Compralo qui

Un matrimonio reale è il sogno di ogni ragazza: sfarzo, festeggiamenti e balli fino all'alba. Ma non per la bella Kestrel, per la quale invece le nozze ormai prossime con il principe Verex rappresentano una gabbia che non le lascia via di scampo. Con l'avvicinarsi del matrimonio, vorrebbe ardentemente raccontare all'amato Arin la verità sul suo fidanzamento, se solo potesse contare su di lui... Ma di chi può ancora fidarsi, se non può credere neanche più a sé stessa? Spia in incognito alla corte imperiale, Kestrel è diventata una professionista dell'inganno: vive nella menzogna, per trasmettere informazioni agli herrani, il popolo che dovrebbe considerare suo nemico, ed è finalmente vicina a scoprire un terribile segreto. Nel frattempo Arin, che da semplice schiavo è diventato governatore di Herran, arruola alleati per allontanare dal suo Paese un pericoloso nemico ed è attanagliato dal sospetto che Kestrel sappia molto più di quanto dica, e che menta... La verità, però, può fare più male delle menzogne, e quando verrà a galla, Kestrel e Arin dovranno fare i conti con le conseguenze delle proprie scelte.

Recensione "The Winner's Crime. La vendetta" di Marie Rutkoski 

Questo libro è stato un pochino sfortunato: l'ho iniziato durante la sessione estiva (errore!) e ho avuto poco tempo per leggerlo, per non parlare del fatto che dopo aver finito gli esami la voglia di leggere (in generale) era pari a zero. Non l'ho letto con costanza, e quando trovavo il tempo per leggere mi distraevo e avevo poco interesse. SIGH

Sicuramente il periodo non era giusto, ma un pochino è stata anche colpa della trama. Il primo mi era piaciuto principalmente per la storia d'amore, mentre in questo volume i momenti romantici sono pochi e alcuni sono veramente belli, altri un po' frustanti. Frustrante perché ci sono una serie di fraintendimenti che secondo me non dovevano proprio esserci visto che parliamo di cose veramente scontate. Questo perché Arin - mi spiace dirlo - in questo libro è sveglio come un pesce. Ci mette un'intero libro per capire come stanno le cose.

A volte ho perso interesse per la storia, mentre altre non riuscivo a staccarmi dalle pagine, specialmente superata la metà. Diciamo che questo libro si concentra principalmente sugli intrighi politici e il libro perde un po' proprio perché come era successo nel primo libro, da questo punto di vista lo trovo poco complesso. Solo verso la fine il libro prende ancora una volta una svolta inaspettata e mi ha lasciato a bocca aperta. Infatti spero con tutto il cuore che la casa editrice abbia in programma la pubblicazione dell'ultimo volume perché non so come farò ad aspettare la traduzione del terzo e non so se ci riuscirò.

I personaggi principali in questo secondo volume non mi hanno fatto impazzire, nemmeno Kestrel perché anche il suo piano di tenere all'oscuro Arin per proteggerlo dopo un po' mi ha scocciato, però devo ammettere di aver apprezzato quelli secondari che vengono introdotti in questo libro. L'imperatore è uno di personaggi crudeli e calcolatori, anche se al momento penso che non sia stato sfruttato tutto il suo potenziale, stessa cosa per quanto riguarda Verex, il figlio, completamente l'opposto del padre (in certe occasioni mi ha ricordato Dorian de Il trono di ghiaccio). Ma la new entry che più ho gradito è Roshan, e non vedo l'ora di ritrovarlo nel terzo volume.

Alti e bassi, ma tutto sommato una lettura gradevole e senza pretese.

Valutazione: 3,5 ⭐


⇨ SEGUIMI SU: instagram | facebook | twitter | bloglovin | goodreads

22 luglio 2019

Recensione "Shadowhunters. Signore delle ombre" di Cassandra Clare

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di "Signore delle ombre" di Cassandra Clare, il secondo volume della trilogia The Dark Artificies, ambientata nel mondo degli Shadowhunters.

Titolo: Shadowhunters. Signore delle ombre
Serie: The dark artificies 2
Autore: Cassandra Clare
Pagine: 649
Editore: Mondadori
Anno: 2017
Acquistalo!
Onore, senso del dovere, rispetto della parola data: questi sono i principi che guidano l'esistenza di ogni Shadowhunter. Oltre alla certezza che non esista un legame più sacro di quello che unisce due parabatai, compagni di battaglia destinati a combattere e a soffrire insieme. Un legame che mai e poi mai - questo dice la Legge - dovrà trasformarsi in amore. Emma Carstairs sa bene che il sentimento che la unisce al suo parabatai, Julian Blackthorn, è proibito e che proprio per questo potrebbe distruggere entrambi. Sa anche che, per non rischiare la loro vita, dovrebbe scappare il più lontano possibile da lui. Ma come può farlo, proprio ora che i Blackthorn sono minacciati da nemici provenienti da ogni dove? L'unica loro speranza sembra racchiusa nel "Volume Nero dei Morti", un libro di incantesimi straordinariamente potente su cui tutti vogliono mettere le mani. Per questo, dopo aver stretto un patto con la Regina Seelie, Emma, la sua migliore amica Cristina, Mark e Julian Blackthorn partono alla ricerca del libro, affrontando mille insidie, imbattendosi in potenti nemici ben consapevoli che nulla è ciò che sembra e nessuna promessa è degna di fiducia. Nel frattempo, a Los Angeles, la tensione crescente tra Shadowhunter e Nascosti ha rafforzato la Coorte, la potente fazione interna al Consiglio strenua sostenitrice della Pace Fredda e disposta a tutto pur di impossessarsi dell'Istituto. Ben presto però un'altra, nuova minaccia si fa avanti, sotto le spoglie del Signore delle Ombre - il Re della Corte Unseelie -, che spedisce i propri guerrieri migliori sulle tracce dei Blackthorn e del libro. Con il pericolo ormai alle porte, Julian concepisce un piano rischioso che prevede la collaborazione con un personaggio imprevedibile. Ma per ottenere la vittoria finale sarà necessario pagare un prezzo che lui ed Emma non possono nemmeno immaginare, e che avrà ripercussioni su tutti coloro e tutto ciò che hanno di più caro al mondo.

Recensione "Shadowhunters. Signore delle ombre" di Cassandra Clare

Eccomi qui a parlarvi del secondo volume di questa trilogia. Non lo davo per scontato perché a un certo punto pensavo che non l'avrei mai finito. Infatti uno dei problemi principali di questa serie secondo me è proprio la lunghezza dei libri. A me il numero di pagine andrebbe anche bene, ma se la Clare togliesse tutte le pagine inutili e quelle piene di descrizioni non mi lamenterei, eh.
Infatti l'autrice ci va già pesante con le descrizioni, anche se tutto sommato questo a tratti l'ho trovato più scorrevole, specie all'inizio che prende subito.

La sensazione che la trama principale sia un pochino debole però l'ho avuta anche leggendo questo secondo volume, ma devo ammettere che rispetto al primo è stato decisamente più bello! Questa volta ho apprezzato molto le storyline secondarie, non solo gli intrighi amorosi (sempre presenti e sempre interessanti) e il finale di questo libro poi mi ha fatto venire una voglia assurda di leggere subito il terzo.

I personaggi continuano a piacermi molto, anche se il fatto che ce ne siano così tanti e che tutti abbiano dei capitoli narrati dal loro punto di vista, forse è un po' troppo perché è difficile gestirli. Tutti hanno una loro caratterizzazione, vero, però devo ammettere che nonostante mi piacciano, non riesco ad amarli. Alias non penso che diventeranno i miei preferiti.

Infine una cosa che ho apprezzato è l'inserimento della diversità. Sin dalla serie principale ci sono stati personaggi appartenenti alla comunità LGBT+, vero, però qui la Clare inserisce altri temi, cosa che ho gradito parecchio. Adesso spero solo che in seguito vengano affrontati bene.

Non siamo al pari degli altri shadowhunters scritti dalla Clare, ma tutto sommato la considero una lettura piacevole e senza pretese. Mi ha intrattenuto e a volte tenuto incollata alle pagine. Adesso incrociamo le dita per il terzo. Con tutte le recensioni negative che ho visto ho veramente paura!

Valutazione: 4

Fatemi sapere cosa ne pensate!
⇨ SEGUIMI SU: instagram | facebook | twitter | bloglovin | goodreads

18 luglio 2019

Disney A twisted tale. Recensione "Un mondo nuovo" di Liz Braswell (E se Aladdin non avesse tenuto la lampada?)

Finalmente torno con una nuova recensione! Oggi parliamo di "Un mondo nuovo", il primo volume della serie "A twisted tale" che rivisita i classici disney. Questo volume è dedicato ad Aladdin. Ringrazio la casa editrice per avermi fornito una copia del libro!

Titolo: Un mondo nuovo
Serie: A twisted Tale
Autore: Liz Braswell
Pagine: 384
Editore: Giunti
Anno: 2019
Compralo qui
Un romanzo per conoscere Aladdin in una veste completamente nuova. Aladdin è un ladruncolo abituato a cavarsela come può nelle strade di Agrabah, mentre Jasmine è la ricca e bella principessa, figlia del Sultano. Le loro strade sembrano destinate a non incrociarsi mai. Ma un brutto giorno, il Visir Jafar ruba al Genio la lampada magica e lo costringe ad esaudire i suoi primi due desideri: diventare il nuovo Sultano di Agrabah e lo stregone più potente del mondo. La città e il regno piombano nel terrore, in attesa di scoprire quale sarà il terzo e ultimo desiderio del perfido Visir. C'è solo un modo per fermarlo: Aladdin e la deposta principessa convincono il popolo a ribellarsi. Il giovane ladruncolo dimostra di essere un vero leader, mentre Jasmine rivela tutto il suo coraggio e la sua indole ribelle. Così una guerra civile che rischiava di distruggere tutto il regno segna invece l'inizio di una nuova era.

Recensione "Un mondo nuovo" di Liz Braswell

Ho letto questo libro il mese scorso, ma attendevo la fine della sessione estiva per potervene parlare per bene. Prima di leggerlo ammetto che non avevo chissà che aspettative. Aladdin mi piace, ma non è uno di quei cartoni disney con cui sono cresciuta (l'ho visto solo qualche anno fa tra l'altro), quindi non sono partita prevenuta. Ero pronta ad una lettura piacevole.

Che delusione!
Non abbandono quasi mai i libri, ma se avessi potuto lo avrei abbandonato perché purtroppo mi ha annoiato dalla prima all'ultima pagina.

Innanzitutto non si capisce il target di questo libro. E' uno young adult? E' un middle-grade? Un miscuglio di entrambi mal riuscito? Abbiamo personaggi di diciassette anni che devono affrontare cose da adulti, e fino a qui tutto ok. Il problema è che il modo in cui viene narrato e in cui vengono descritti che li fanno sembrare dei bambini di massimo undici anni. Cosa che rende la storia un tantino ridicola. Per non parlare del fatto che questi personaggi sono giusto un pochino... PIATTISSIMI! Che peccato, il libro poteva essere una buona occasione per dargli un minimo di spessore.

L'idea è carina, ma non basta. Quello che succede viene sviluppato in maniera frettolosa (sono 380, ma considerando il carattere e il formato del libro, è un libriccino, anche se sembra infinito). Se fatto bene poteva davvero venir fuori una storia interessante, ma il modo in cui viene sviluppato - completamente privo di pathos, superficiale -  rende la storia poco coinvolgente.

Un pubblico giovane apprezzerà questa storia? Forse. Al momento il libro lo sta leggendo la mia cuginetta e le sta piacendo, quindi deduco che sia uno di quei libri indirizzati esclusivamente ai ragazzini.

Valutazione: 1,5

Ero veramente indecisa sulla valutazione. Inizialmente pensavo di dare 2 stelline perché facendo il paragone con altri libri, ne ho letto effettivamente di peggio. Ma onestamente? Non riesco a trovare una sola cosa di questo libro che mi sia piaciuta. Non riesco a trovare qualcosa di positivo nemmeno oggettivamente parlando, se non l'idea. Tra l'altro ho dato due stelline a libri superiori a questi. Non c'è stata una sola scena che mi sia piaciuta o che non mi abbia annoiato.

Cosa ne pensate di questo libro? Vi è piaciuto? Vi interessa leggerlo?

Attualmente ho in lettura "Riflessi" (Mulan) e sembra un tantino più carino. Spero di non sbagliarmi. 

⇨ SEGUIMI SU: instagram | facebook | twitter | bloglovin | goodreads

11 luglio 2019

Le letture di giugno & tbr luglio!

Ciao lettori! Scusate l'assenza, ma nelle ultime settimane ho preferito dedicarmi alla sessione estiva, e in quel poco tempo libero ho letto (anche se pochissimo). Sono parecchio indietro con le recensioni, spero di recuperare in questi giorni (anche se con questo caldo la voglia di stare al pc è pari a zero, ma sto cercando un rimedio). Comunque di seguito trovate il riepilogo di giugno :)


LIBRI LETTI
- Shadowhunters. Signore delle ombre (mini-review)
- Rebel. La nuova alba (recensione)
- La Corte di Rose e Spine (recensione aggiornata)
- Stranger Things. Il sottosopra (recensione)
- A twisted tale. Un mondo nuovo (mini review)

Considerando che ho letto praticamente solo la notte e in alcuni casi la mattina, mi ritengo abbastanza fortunata. Sono tra l'altro tutte letture che mi sono piaciute, eccetto A twisted tale. Ragazzi, il retelling \ fan fiction \ come volete chiamarlo di Aladdin è tra le letture peggiori dell'anno. Mi ha annoiato dalla prima all'ultima pagina. Ho già abbozzato una recensione e in questi giorni conto di sistemarla e pubblicarla.

LIBRI IN LETTURA
Al momento sto leggendo The winner's crime, ma sono ancora all'inizio. Posso solo dirvi che non mi piace il modo in cui l'autrice sta riassumendo i fatti del libro precedente, ma immagino che la lettura migliorerà una volta superata questa parte.

PROSSIME LETTURE
Con altre blogger & bookgrammer abbiamo deciso di organizzare un gruppo di lettura per It di Stephen King su instagram. E' iniziato il primo luglio e finirà il 5 settembre.  Altro gruppo di lettura che partirà a breve (sempre su instagram) è quello di Regina dell'aria e delle tenebre della Clare. Sono parecchio preoccupata, ma anche curiosa. Per un altro gruppo di lettura (si, lo so... un sacco di GDL XD) dovrei anche iniziare Good Omens\Buon apocalisse a tutti!. Non so se faccio in tempo per il GDL, ma di sicuro lo leggerò perché mi ispira tantissimo e in queste settimane sono stata parecchio tentata di iniziarlo... mi sono praticamente obbligata a non leggerlo durante la sessione! Infine A twisted tale -  Riflessi, sperando che con Mulan vada meglio.

ALTRE RECENSIONI PUBBLICATE
Legend, V. Schwab
Ruin and rising, Leigh Bardugo

Quali libri avete letto il mese scorso? Cosa leggerete a luglio?

Come sempre siete liberi di lasciare il link del vostro riepilogo mensile, così passo a leggervi :)