28 maggio 2018

Gruppo di lettura "L'amica perfetta" di E. Lockhart | riepilogo seconda tappa

Ciao lettori! Ecco il riepilogo dei capitoli 13, 12, 11, 10 e 9 del libro L'amica perfetta di E. Lockhart. Vi ricordo che se volete unirvi al gruppo di lettura siete ancora in tempo. Io praticamente l'ho finito tutto in pochissimi giorni (ma state tranquilli, questo post l'ho scritto prima di proseguire con la lettura!).

Titolo: L'amica perfetta
Autore: E. Lockhart
Pagine: 315
Editore: De Agostini
Scheda amazon
È furba, decisa, determinata. Jule West Williams nella vita ha subito tante ingiustizie e sa che cosa significa non avere niente. È per questo che ora nulla la spaventa. Jule non ha paura di scappare, innamorarsi, reinventarsi in mestieri e vite sempre nuove, ma anche sempre più pericolose. Ed è proprio tra una vita e l'altra che Jule incontra Imogen: lei è ricca, di buona famiglia, vive a Martha's Vineyard e ha tutto ciò che Jule ha sempre desiderato. Tra loro c'è subito intesa. L'intesa diventa amicizia. Ma l'amicizia si trasforma presto in ossessione, perché Jule vuole tutto ciò che possiede Imogen. E in un attimo, il legame tra loro diventa un vortice che gira sempre più veloce.

Questi capitoli mi sono piaciuti e li ho divorati in pochissimo tempo, però ancora non riesco a capire dove voglia andare a parare l'autrice. Spero davvero che abbia in serbo per noi qualcosa di scioccante. La narrazione a ritroso mi piace e la Lockhart riesce a gestirla molto bene. Ogni volta è come leggere il dietro le quinte.

Scopriamo che Jule si incontra Brooke, l'amica di Imogen che come sappiamo è morta. E' stata proprio Jule ad ucciderla perché aveva iniziato a fare domande di troppo e ad avere qualche sospetto. Mi lascia un po' perplessa il fatto che comunque lo abbiano dato come suicidio. Non dovrebbero esserci le impronte di Jule? Anche se la polizia non è a conoscenza di lei, dovrebbero comunque trovare delle impronte sospette, no? Oppure utilizzava dei guanti?

Poi scopriamo, senza nessuna sorpresa ovviamente, che anche Imogen è morta per mano di Jule. Un personaggio non così perfetto come viene presentato, anzi, una persona egoista che si circonda di persone che nutrono il suo ego e poi le scarica quando si stanca, o meglio, quando queste vogliono creare un legame con lei, come capita con Jule. Uno dei motivi che la spingono ad uccidere Imogen, anche se più che altro penso che sia un personaggio impulsivo e con dei problemi molto gravi.

Infine, alcune domande\dubbi:
  • Jule in un capitolo afferma che "è il mio lavoro essere crudele", ma di preciso cosa vuol dire? Che lavoro fa? Ruba identità? 
  • Durante una chiacchierata con una persona, dice di aver quasi ucciso un ragazzo che stava violentando una ragazza. Ma di chi parlava? E perché ne ha parlato? 
  • Dove vuole andare a parare l'autrice? Voglio dire, abbiamo scoperto che ad uccidere Imogen è stata Jule. E adesso cosa ci aspetta? Quale sarà il colpo di scena? Io ho iniziato a pensare che la Jule che racconta la storia in realtà sia la vera Imogen. Cioè, forse non ha senso, ma è l'unica cosa che mi viene in mente.

Cosa ne pensate? Alla prossima!

14 maggio \ Inizio gruppo di lettura: si legge fino a capitolo 14
21 maggio \ Riepilogo prima tappa su Il tempo dei libri + fino a capitolo 9
28 maggio \ Riepilogo seconda tappa  su Divoratori di libri  + fino a capitolo 4
⚪ 4 giugno \ Riepilogo terza tappa su Il tempo dei libri + fino a capitolo 19
⚫ 11 giugno \ Riepilogo quarta tappa + conclusione su entrambi i blog

6 commenti:

  1. In questi capitoli mi sto immaginando Jule come una sorta di ninja pazza assassina perché sa fare tutto. Sa rubare identità senza farsi beccare, sa difendersi o attaccare coloro che le vogliono far del male, sa uccidere senza farsi beccare, ed è un po’ fuori di testa. Avrà avuto un passato come quello di Natasha Romanoff, chi lo sa xD

    Comunque, sono convinta che Brooke non sia la prima persona che Jule ha ucciso in vita sua e che il suo essere così forse ha qualcosa a che fare con il suo passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ho pensato anch'io che possa avere avuto un addestramento da spia? Non mi viene altro in mente..altrimenti come può una persona del genere essere così brava?

      Elimina
  2. Per una volta sono in pari con la lettura! Che Jule avesse ucciso Imogen non era una sorpresa per nessuno. Insomma, dopo aver scoperto cosa sia successo a Brooke era improbabile che Immie non avesse subito la stessa sorte. Per l'elenco penso che la ragazza di cui parlava era la stessa Jule visto che prima diceva che era un'altra persona e poi ha parlato come se fosse successo a lei. Sicuro il ragazzo è morto, è impossibile colpire ripetutamente qualcuno con un tacco e pensare che sopravviva. Non so dove l'autrice voglia andare a parare. Ho il forte sospetto che lei centri qualcosa anche con la morte dei genitori. E' così brava a mentire, rubare identità, farti credere qualcosa che si è costruito nella sua testa. 'E' il mio lavoro a essere crudele' non l'ho capito neppure io. Quale lavoro? Io penso che sia tutto nella sua testa, lei pensa di essere un supereroe quando invece è solo matta XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho pensato pure io. Sembra che stesse parlando di lei e poi di un'altra ragazza, perciò sono un po' confusa. In effetti se fosse stata lei la vittima, di sicuro la sua pazzia potrebbe essere giustificata (del tipo, visto quello che le è successo, ha deciso di uccidere tutti perché il mondo è una merda lol).
      Anche quando parlava del ragazzo anch'io ho avuto l'impressione che fosse effettivamente morto e che in realtà lei abbia omesso quel dettaglio.. però era ubriaca quindi bohhhh

      Elimina
  3. Ciao, ti ho taggato sul mio blog nel premio My World Award ;) COmplimenti per il tuo blog! questo è il link del post:
    https://storieattornoalfuoco.blogspot.com/2018/05/my-world-award.html

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.