15 maggio 2017

Recensione "Nel profondo della foresta" di Holly Black

Buon pomeriggio lettori! Oggi vi parlo del libro Nel profondo della foresta di Holly Black, versione italiana di The darkest part of the forest, uno dei libri che ho più atteso negli ultimi anni. Sono felice che la Mondadori abbia finalmente deciso di pubblicarlo!

Nel profondo della foresta, Holly Black
pag. 243, Mondadori, 2017

Nel profondo della foresta c'era una bara di vetro che giaceva sulla nuda terra.
Dentro vi riposava un ragazzo con le corna in testa e orecchie affilate come coltelli... Hazel e il fratello Ben sono cresciuti a Fairfold, una piccola città dove, da tempo, gli umani hanno imparato a convivere pacificamente con le creature fatate della vicina foresta. Un posto diventato meta di tanti turisti curiosi, attratti dalle magie che qui hanno luogo ma in particolare dal ragazzo con le corna che riposa dentro una bara di vetro, la meraviglia più grande di tutte.
Affascinati fin da bambini da questa presenza misteriosa, Hazel e Ben hanno provato più e più volte a immaginarne la storia. Nelle loro fantasie il giovane era a volte un principe dal cuore nobile e dalla natura buona e generosa, e altre un essere crudele e spietato.
Ora che è cresciuta, però, Hazel pensa che sia arrivato il momento di accantonare tutte quelle fantasie infantili accettando il fatto che, per quanto lo abbia desiderato a lungo con tutta se stessa, il ragazzo con le corna non si sveglierà mai.
Un giorno, però, quello che sembrava impossibile accade... sconvolgendo la vita della ragazza, di suo fratello e della loro città.
Fiaba moderna dalle sfumature dark, appassionante e ricca di colpi di scena, Nel profondo della foresta segna il ritorno di Holly Black ai romanzi delle origini che l'hanno fatta conoscere, e amare, dai lettori.
Ogni volta che leggo un libro della Black non so mai dove andrà a parare. Credo che sia una di quelle autrici dalla fantasia sconfinata, che potrebbe far succedere di tutto nelle sue storie insolite. E proprio per questo credo che i suoi libri non siano per tutti, infatti o si amano o non si apprezzano.

Nel profondo della foresta può essere considerata una fiaba moderna dai toni dark. Per certi aspetti mi ha ricordato Hansel e Gretel, anche se le due storie sono molto diverse.

La prima metà del libro è lenta e seppur non annoi, devo ammettere che non sono subita entrata in sintonia con la storia (anche perché non avevo avuto granché di tempo per leggerlo). Ci sono voluti un paio di capitoli per entrare nel vivo, anche se la parte che personalmente ho preferito inizia a circa metà della storia, quando il ragazzo con le corna viene risvegliato. Da questo punto in poi tutti i nodi pian piano vengono al pettine, rivelando un intreccio incredibile.

Personalmente ho adorato come l'autrice riesce gestisce il folklore, creando una storia magica. Se c'è un termine che descrive perfettamente questo libro è proprio magico. Una cosa al quale ho pensato molto è che l'autrice potrebbe rendere interessante anche un argomento stupido, perché il modo in cui lo narra ti cattura. Ogni frase è evocativa e sembra quasi di essere travolti dal mondo fatato di Fairfold.

Ho adorato tantissimo i personaggi della storia, ma in particolare mi ha positivamente sorpreso Jack, un personaggio secondario che ha però un ruolo importante. Jack è il migliore amico dei protagonisti, Hazel e Ben, e non so come io abbia potuto pensare all'inizio che sarebbe stato il solito stereotipo, o che ci sarebbe stato un triangolo (spoiler: non ce ne sono!). Jack è un changerling e viene incolpato per tutto quello che succede nella cittadina. L'ho trovato un personaggio davvero affascinante (più del ragazzo con le corna!) e delle volte avrei voluto abbracciarlo. Ho anche apprezzato la piccola parte romance del romanzo (che ahimè non posso dire perché, non voglio rovinarvi la lettura, ma dovete sapere che nella parte finale i miei occhi erano dei cuoricini ommiodio quanto ho sclerato). Degna di nota anche Hazel, la nostra eroina\cavaliere, che all'inizio non riuscivo ad inquadrare ma che pian piano mi ha conquistata; Ben, il fratello gemello di Hazel con il dono (o la maledizione?) della musica; e Severin, il ragazzo con le corna, un personaggio ambiguo.

Insomma, per me è stata una bellissima lettura, seppur la storia abbia impiegato un po' di tempo prima di ingranare. La parte finale invece l'ho letta tutta d'un fiato! Ve lo consiglio tantissimo.
Fatemi sapere cosa ne pensate!

Altri libri di Holly Black pubblicati in Italia

19 commenti:

  1. Anche a me Jack è piaciuto tantissimo! Poi vabbeh io adoro le fate descritte proprio come in questo libro <3
    Sono super felice che lo abbiano portato in Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non sono sicura che avrei apprezzato allo stesso modo queste fate se fossero state inserite in un contesto diverso o meglio se la storia fosse stata scritta da un altro autore!

      Elimina
  2. uh concordo con tutto tutto! E' un libro magico, l'autrice è veramente capace a disorientarti, è vero non sai mai dove andrà a parare. E Jack, oh Jack! Amore da subito!!! Io l'ho amato tantissimo e capisco anche che non può piacere a tutti, è particolare e ombroso

    RispondiElimina
  3. Devo ammettere che questa Holly Black non mi ispira per niente (ho leggicchiato qualcosa in libreria) ma alla fine il problema è sempre mio che sono molto selettiva xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma comeeee
      secondo me potrebbe piacerti :P potresti provare leggendo Doll Bones *_*

      Elimina
  4. Dalla tua descrizione, sembra una sorta di via di mezzo fra "Doll bones" e "Spiderwick", con giusto un pizzico di romance alla "Tithe" nel mezzo: il che si traduce in un romanzo in pieno stile Holly Black, vale a dire un libro che dovrò assolutamente recuperare! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiderwick purtroppo non l'ho letto (non ancora) quindi non saprei dirti t.t
      comunque sì, devi assolutamente recuperarlo :D

      Elimina
  5. Adesso ho ancora più voglia di leggere questo romanzo!! Se ci sono le stesse fate della trilogia delle fate delle tenebre sarà sicuramente amore tra me e lui!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fate delle tenebre mi manca, perciò non saprei dirti! però sono sicura ti piacerà ;)

      Elimina
  6. Devo leggerloooo *o* Sono contenta che ti sia piaciuto... e mi hai anche ricordato che della Black ho in wish list da tipo un'eternitàa anche Fate delle tenebre, accipicchia! >-< Non ce la posso fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche volta facciamo una bella lettura di gruppo!

      Elimina
  7. Anche io ho amato questo libro! Ma i personaggi che ho preferito sono assolutamente Hazel e Severin *-*
    xoxo Connor

    RispondiElimina
  8. Come sai, sono d'accordissimo con te :D anche io ho amato più di ogni altra cosa il modo in cui la Black ha gestito la parte relativa al folklore e alle leggende *o* bellissima! E be' Jack ... <3

    RispondiElimina
  9. Ho questo libro in wishlist: l'inizio lento mi spaventa, ma se dici che ne vale la pena potrei pensarci. :)
    ( sì, se non l'hai notato sto recuperando piano piano tutti i tuoi post)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda, è lento, ma piacevole. All'inizio leggevo un capitolo al giorno, fino a quando non c'è stata la svolta e l'ho letto tutto d'un fiato. Perciò non preoccuparti.
      (mi fa piacere :P)

      Elimina
  10. Con questa autrice ho un rapporto altalenantea questo devo assolutamente leggerlo! Già lo puntavo, ma dopo la tua recensione sto morendo dalla curiosità!

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.