17.1.17

Recensione "Danza con me" di Jillian Moore

Buon pomeriggio lettori,
la settimana scorsa ho letto Danza con me. Mi serviva per la challenge Il giro del mondo in 80 libri, ma era da tempo che volevo leggere un libro di questo genere, tant'è che anche uno dei miei obiettivi della Reading Goals Challenge (entrambe le challenge le trovate nella barra laterale o in sfide), senza volerlo, era "un libro sulla danza". E la mia scelta è ricaduta su questo titolo che avevo adocchiato tempo fa.

Titolo: Danza con me
Autore: Jillian Moore
Prezzo: 0,99€ (ebook)
L’italiana Lisa vive a Londra dove studia danza. Si è appena lasciata con Chris, giovane studente di recitazione, ma il destino ha in serbo per lei diverse sorprese: un nuovo amore e una singolare esperienza di ballo.Brian è inglese, studia all'università e balla hip hop. Cambia le sue ragazze come i fazzoletti da naso, ma anche per lui il caso ha interessanti progetti.Un fortuito incontro cambia tutto.
“DANZA CON ME” è il primo romanzo della serie “Sfide d'amore”: serie che ha come sfondo il mondo della danza. Entro la cornice artistica di questa passione per il ballo, crescono rapporti d'amore e di amicizia.

RECENSIONE
Io AMO l'hip hop, i film della serie Step Up sono tra i miei preferiti, e da tempo io stessa voglio scrivere una storia con protagonista la danza. Capite perché ho deciso di leggere questo libro nonostante le recensioni non proprio entusiaste?
Eppure non mi aspettavo che fosse un capolavoro. Immaginavo fosse scontato, però speravo che potesse almeno intrattenermi. Insomma, per una volta ero pronta a beccarmi tutti i cliché senza lamentarmi troppo (forse).

E INVECE

Avrei dovuto capire tutto quando nel primo capitolo la protagonista, Lisa, vede il suo ex fidanzato con la stronzetta di turno e decide di vendicarsi tagliando le ruote della macchina di lei. Con un coltello. Che aveva nella borsa. INSOMMA CHI E' CHE NON HA UN COLTELLO NELLA BORSETTA?

Eppure, viste le premesse, la protagonista non è il personaggio peggiore, stranamente. Infatti non l'ho trovata lagnosa o irritante come al solito. Insomma, poteva anche piacermi, se solo avesse avuto un briciolo di spessore, ovvio. Il personaggio peggiore invece è LUI, signori e signore, UNA SPECIE DI CHRISTIAN GRAY DEI POVERI. Amore a prima vista o meglio, amore a prima tagliata di ruote. Lui la vede, con un coltello in mano, trasgressiva ed è subito ammmore. Si rammollisce, diventa uno stalker, tutto casto e una serie di cliché che ispirano il suicidio. Insomma, personaggi piatti, per niente accattivanti, che annoiano da morire.

Ciò che proprio non mi è andato giù però è lo stile dell'autrice. Sembra di leggere una fanfiction scritta da una ragazzina. Punteggiatura inserita con random.org (virgole, messe, a, caso, giuro), scene di vita quotidiana di cui non frega un cazzo a nessuno, eventi più importanti riassunti in due righe. Cioè, la sfida finale è riassunta in una frase e AMEN.
Che poi arrivata ad un certo punto ne avevo le palle talmente piene che ho iniziato a leggere frettolosamente alcuni paragrafi e, credetemi, avrei potuto saltare interi capitoli senza perdermi niente.

Insomma, per me è un grosso NO. Peccato perché poteva essere una lettura carina. 
3\10

Sull'autrice non so dirvi niente, perché non sono riuscita a trovare informazioni. Non so nemmeno se sia autopubblicato o meno, perché da quanto ho capito fa parte di una collana, solo che non dice di quale casa editrice. MISTERO.
Comunque, conoscevate questo libro? Avete letto libri sulla danza che meritano davvero? 

18 commenti:

  1. E INVECE.
    Ti sono vicina, sorella.

    RispondiElimina
  2. Ahahah grazie per questa recensione :D Ma dici che se inizio ad andare in giro a tagliare ruote incontro l'anima gemella? 😂

    RispondiElimina
  3. Grazie per avermi ricordato che se sembra pieno di cliché, è meglio lasciare perdere. XD
    Comunque, io ormai mi affido molto alle recensioni perché, non avendo tanta grana da spendere, sto attenta a comprare solo libri che penso mi piaceranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa io, però tra le possibili letture a tema era il più economico xD

      Elimina
  4. Non ho mai letto libri sulla danza (perchè non sono una grande appassionata) e nemmeno questo libro.
    Ma da quanto ho letto non mi sono persa nulla!

    RispondiElimina
  5. E ceeerto, chi al giorno d'oggi non ha un coltello nella borsa? X"D Santo cielo, ma anche no! Thanks per esserti sacrificata e averi fatto sapere che questo libro va evitato come la peste :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di questi tempi non si sa mai lol
      figurati, per quest'anno sono a posto. Ora ci risentiamo il prossimo anno con una recensione negativa XD

      Elimina
  6. ci vorrebbe una rubrica sui libri brutti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sarebbe una brutta idea, ma dato che ognuno ha i suoi gusti, non sarebbe tanto giusto ^^"

      Elimina
  7. per una challange ho letto pure io da poco un libro che parla anche di danza, ma sono stata decisamente più fortunata di te ihihih. Questo per me anche no

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono curiosa! Mi piacerebbe leggere qualcosa di decente :)

      Elimina
    2. Usheen di Naike Ror. A me è piaciuto molto, il primo 5 dell'anno

      Elimina
  8. Me ne terrò alla larga sicuramente.
    Ah ah chi è e che non un coltello nella borsetta è bellissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, tu non ne porti uno con te? XD

      Elimina
  9. Cioè, eri così entusiasta di leggere questo libro che la tua recensione è proprio una coltellata ahahahah! Povera Giù. Comunque sì dai, tutte andiamo in giro con un coltello, c'è chi si infila nella borsa anche una mannaia. Ma dai!

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.