1.10.16

#LiBT chiacchierata con C.E.A. Bennet, autrice di Solstice + giveaway

Buon pomeriggio lettori! :)
Oggi è il penultimo giorno del Leggere Italiano BT. Domani ci saranno gli ultimi post e poi ci rivediamo il 9 Ottobre con il recap finale dell'iniziativa e tutti i vincitori dei giveaway.  Quindi se vi siete persi qualcosa, avete una settimana per recuperare ;) ma passiamo al post di oggi!!

Avete letto la recensione di Claudia di Solstice - L'incantesimo d'inverno, poi quella di Lily di Solstice - Equinozio di primavera. Io invece vi propongo una mini-intervista a C.E.A. Bennet (Chiara), autrice della serie, sperando di incuriosire chi non ha ancora letto i suoi libri e vorrebbe saperne di più.

ME: Cos'è per te la magia? Cosa ti ha spinto a scriverci un libro?
CHIARA: La magia è la chiave per rendere tutto possibile e fuggire dalla realtà. Da bambini è molto più facile "credere" a cose meravigliose e impossibili, magiche appunto, e forse il motivo che mi ha spinto a pensare a un'interpretazione un po' fantastica della vita quotidiana di un gruppetto di adolescenti è stato proprio questo: per qualche pagina tornare a credere che tutto sia possibile...

ME: E invece la storia com'è nata? Io a volte sono ispirata da eventi che accadono, libri che leggo o film che guardo, anche da scene o situazioni particolari riportati nella storia. E' stato così anche per te oppure era un storia che avevi già in mente da tempo? 
CHIARA: C’erano degli elementi che mi ronzavano per la testa… Emma e Alec, in primo luogo, ma anche Sam e le sorelle Hataway. Sicuramente letture, film e vissuto mi hanno influenzata. A volte senza accorgermene. Poi per certi versi la storia si è scritta da sola. Proseguivo e mi rendevo conto che le cose non stavano andando come le avevo immaginate all'inizio e … mi piacevano molto di più!

ME: dato che hai citato Emma e le sorelle Hataway, perché non ci parli un po' di queste sorelle e delle loro abilità particolari? 
CHIARA: Le sorelle Hataway… Devo dire che descrivere le loro dinamiche, i bisticci e il modo un po’ bizzarro ma sincero di volersi bene è una delle cose che più mi ha divertito e mi diverte nella stesura di Solstice.
Volevo che fossero profondamente diverse l’una dall’altra, ma con delle caratteristiche comuni.
Una situazione famigliare così particolare porta sicuramente a un sodalizio fuori dagli schemi. Eileen, Emma e Constance sono cresciute contando l’una sull’altra, una condizione che non è mutata con il passare degli anni.
Le sorelle sono reciprocamente il primo punto di riferimento, di sfogo, di richiesta d’aiuto e a conti fatti sono una squadra che funziona, perché pregi e difetti si temperano e si bilanciano.
Eileen, la maggiore delle tre, è quella con i piedi più attaccati a terra. Dotata di una forza di volontà d’acciaio e di notevole carisma, spesso non è costretta ad usare il proprio talento per ottenere quello che vuole.
Il potere della persuasione è affascinante ma pericoloso. Il fatto che Eileen sia, oltre ad essere la più bella delle sorelle, anche quella più saggia e responsabile, è senz’altro un bene!
Constance è la scintilla. Forse la più impulsiva delle Hataway. Sta crescendo e un po’ della sua spensieratezza lascerà spazio ad altri slanci. Tuttavia la parte riflessiva di Connie è altrettanto importante.
Il suo ruolo, quello di terza figlia, prevede l’elaborazione e trasmissione di nuovi incantesimi, ruolo che non potrebbe svolgere se non fosse attenta, curiosa e sempre pronta a mettere tutto in discussione.
Anche il fatto di poter fermare il tempo aiuta parecchio… !
Emma è una sognatrice ma è anche affezionata e pronta a tutto per le persone che ama. Non sa di esserlo ma è coraggiosa, sicuramente un po’ incosciente.
Conosce l’importanza e il potere dei segreti, visto che il suo talento le permette di scoprirli e vederli, forse è per questo che fa fatica a lasciarsi andare. Sa quanto ognuno di noi sia vulnerabile e quanto alto il rischio di farsi del male.
Insomma un mix piuttosto di variegato unito da un affetto profondo e una testardaggine di base che le mette spesso nei guai!

ME: quale tra queste abilità ti piacerebbe avere? 
CHIARA: Credo che se potessi scegliere mi piacerebbe poter fermare il tempo. A volte non sarebbe male poter fermare la giostra!
(Anche conoscere i segreti degli altri, però… )

ME: Parliamo di Alec. Oltre ad essere un ragazzo fantastico (impossibile non prendersi una cotta per lui durante la lettura) è anche un custode. Com'è nata questa figura? Che ruolo ha? 
CHIARA: Alec. In un mondo perfetto l’armonia è sempre il giusto bilanciamento tra due forze. Mi piaceva l’idea che questo equilibrio fosse formato da donne come da uomini e che entrambe le parti avessero un ruolo ben preciso.
Alec ed Emma vivono un tempo in cui di questo equilibrio non rimangono che leggende e il ruolo dei Custodi è cambiato: non più protettori, ma guardiani dell’ordine costituito.
Un ordine che non tutti sono disposti ad accettare senza battere ciglio. Così procedendo all'interno della narrazione ci si rende conto che esistono diversi tipi di Custodi, con diversi tipi di priorità (se così possiamo definirle).
Perché alla fine la vera distinzione, streghe e custodi che siano, come in ogni fiaba che si rispetti, è quella di agire per il bene o per il male.
E poi se un amore non è impossibile… Che gusto c’è?!?

Ha proprio ragione! Grazie mille all'autrice che come sempre è stata carinissima e mi ha concesso questa piccola intervista. Speriamo tanto di avervi incuriositi! 

Adesso passiamo al giveaway. Per vincere una copia ebook di Solstice - L'incantesimo d'inverno e una di Equinozio di primavera, non dovete fare altro che:

  • Seguire Divoratori di libri, Lily's bookmark, Cronache di Betelgeuse
  • Commentare tutti i post dedicati a Solstice [li trovate qui e qui]
  • Mettere mi piace alla pagina facebook dell'autrice
  • Lasciare l'indirizzo mail in modo da potervi contattare in caso di vincita
Per avere punti extra:
Buona fortuna!!

6 commenti:

  1. Bell'intervista! Le sorelle Hataway mi incuriosiscono tantissimo e adoro i loro poteri, anche Alec mi sembra un personaggio interessante e sono molto curiosa di approfondire i Custodi e il loro ruolo ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sono sicura che li adorerai anche tu *-*

      Elimina
  2. Ciao!
    Ti ho nominato per un Book Tag, se ti va di partecipare
    http://unabuonalettura.blogspot.it/2016/10/book-tag.html

    A presto
    Ilaria

    RispondiElimina
  3. Che bella intervista, io adoro questa saga come sai, e non vedo l'ora di continuare la leggere le avventura delle Hataway. Certo che però i loro poteri sono mooolto affascinanti... :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosa :)
      Io spero di recuperare presto il secondo volume. Continuo a rimandarne la lettura ;_;

      Elimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.