15.12.15

Recensione: Il mio splendido migliore amico aka Splintered

Buon pomeriggio!
Oggi volevo fare una sorta di TOP 5 con tutti i libri che ho letto durante l'anno e stavo scrivendo un piccolo parere su Splintered quando mi sono accorda di aver scritto un paprio! Perciò ho deciso di dedicargli un post a parte, mentre pubblicherò la top 5 un altro giorno. Buona lettura!

Titolo: Il mio splendido migliore amico
Autore: A.G. 
Serie: Splintered #1
Editore: Newton Compton
Anno: 2015

Alyssa Gardner ha il dono di poter sentire i sussurri dei fiori e dei bruchi. Peccato che per lo stesso dono sua madre è finita in un ospedale psichiatrico. Questa maledizione affligge la famiglia di Alyssa fin dai tempi della sua antenata Alice Liddell, colei che ha ispirato a Lewis Carroll il suo Alice nel Paese delle Meraviglie. Chissà, forse anche Alyssa è pazza, ma niente sembra ancora compromesso, almeno per ora. Quando la malattia mentale della madre peggiora improvvisamente, Alyssa scopre che quello che lei pensava fosse solo finzione è un’incredibile verità: il Paese delle Meraviglie esiste davvero, è molto più oscuro di come l’abbia dipinto Carroll e quasi tutti i personaggi sono in realtà perfidi e mostruosi. Per sopravvivere, Alyssa deve superare una serie di prove, tra cui asciugare il lago di lacrime di Alice, rimanere sveglia all’ora del tè soporifero, domare un feroce Serpente. Di chi potrà fidarsi? Di Jeb, il suo migliore amico, di cui è segretamente innamorata? Oppure dell’ambiguo e attraente Morpheus, la sua guida nel Paese delle Meraviglie? 

Su Goodreads ho dato quattro stelline, ma a distanza di mesi penso: questo libro quattro stelline le vale? Splintered è uno dei primi libri che ho adocchiato quando mi sono iscritta a blogger - ormai quasi tre anni fa -, perciò quando ho saputo che sarebbe uscito in Italia ho fatto i salti di gioia. Nonostante non mi sia dispiaciuto del tutto, non ha soddisfatto le mie (altissime) aspettative.
La storia è sicuramente originale, una sorta di sequel del classico di Carroll che reinterpreta la storia in modo sorprendente e per certi aspetti mi ha ricordato il film di Tim Burton Alice in Wonderland, ma il motivo principale per il quale sono rimasta delusa è che mi aspettavo una storia più inquietante e macabra. So che molti lo hanno trovato così, ma non sono un tipo che si impressiona facilmente, perciò questo per me non è abbastanza macabro. Mi è piaciuta la trama assurda che ha creato l'autrice, ma a volte è così intrecciata che confonde. Infatti durante la lettura mi sono dovuta fermare a rileggere un passaggio più volte perché non riuscivo a capire come la protagonista fosse arrivata in quel punto. Sicuramente questo è accaduto anche a causa dello stile molto descrittivo dell'autrice. Solitamente non ho molti problemi con questo genere di stile, ma qui davvero mi ha distratta parecchio facendomi perdere il filo più volte. Questo è successo soprattutto nella prima metà del libro, mentre la seconda metà per fortuna si è rivelat più coinvolgente. I personaggi sono tutti ben caratterizzati, soprattutto particolarissimi, nonostante alcuni non li abbia apprezzati del tutto, come ad esempio il protagonista maschile Jeb. Sin dalle prime pagine è palese che sia lo stereotipo del migliore amico innamorato della protagonista che si risveglia soltanto quando si presenta un potenziale rivale. Non riesco nemmeno a trovare un aspetto positivo in questo personaggio e se una parte di me detesta questo libro è per colpa sua. La protagonista al momento mi è abbastanza indifferente, mentre il personaggio che più mi è piaciuto è Morpheus, alias l'unico motivo che non mi ha fatto lanciare il libro dalla finestra. Mi è piaciuto perché è uno di quei personaggi che non riesci a inquadrare bene, uno che non sai da che parte stia, uno che ti strega con il suo fare enigmatico! 

Insomma, è stata una lettura di alti e bassi, che mi ha lasciata parecchio confusa e che continua a confondermi. Non riesco a capire quanto mi sia davvero piaciuto e il fatto che io non ricordi nemmeno la storia non aiuta per niente! Non sono sicura che leggerò il secondo volume, anche se sono curiosa di scoprirne di più su Morpheus.

Per il momento rimane un libro senza voto, o, se proprio volete un voto, sono 3,5 stelline circa (io e le stelline abbiamo una relazione complicata, sorry). Che ne pensate? 

18 commenti:

  1. Ciao! Complimenti per la recensione! :) Devo dire che sono d'accordo con te: anch'io avevo aspettative altissime su questo libro e, anche se alla fine non l'ho bocciato, mi ha comunque delusa. Speravo in qualcosina di più, e lo stile dell'autrice non mi ha aiutato. Infatti devo ancora leggere il secondo.
    Per carità, lo farò, prima o poi, perché la storia mi aveva incuriosita e il personaggio di Morpheus mi intrigava, ma non ho particolarmente fretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Ecco, la pensiamo allo stesso modo! Se mai mi dovesse averne la possibilità, sicuramente lo leggerei (con piacere non lo so, perché Jeb mi urta particolarmente i sensi) :)

      Elimina
  2. Io ho adorato alla follia questo libro, l'ho trovato geniale :) Aspetto l'uscita del terzo con ansia *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', sì, l'autrice ha molto fantasia :)

      Elimina
  3. Anch'io, come te, ho dato 4 stelline ma devo confessare che il mio rapporto con questo libro è complicato! Mi è piaciuto, perchè non gli si può negare inventiva. Ma di sicuro c'erano degli elementi che mi creavano molto disturbo nel leggerlo, a volte sembravano le fantasie di uno squilibrato mentale! Povera la mia Alice >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, da questo punto di vista non mi è dispiaciuto per nulla, anche se spesso non si capiva un tubo xD

      Elimina
  4. A me non ispira per niente XD e la cover mi scoraggia ancora di più O.o è bruttissima u.u

    RispondiElimina
  5. Come sai a me è piaciuto... e no, macabro non è un aggettivo che darei a questo romanzo. Fantasioso, colorato e confusionario (in senso buono, per quanto mi riguarda), sì invece ^^ Morpheus me gusta anche a me, Jeb indifferente. Devo recuperare il seguito però!
    @Gaia: Daiii la cover è bella!!!! XP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, tutto ma non macabro xD per me è un aspetto negativo..più i libri sono macabri più mi piacciono muahah

      Elimina
  6. Anche io ho adorato Morpheus *^* io per 3/4 di libro ero un po' interdetta perché mi sembrava troppo non-sense, poi la spiegazione che c'è sulla fine ha ribaltato le carte in tavola e mi ha fatta innamorare *__*
    Non vedo l'ora di leggere il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, il finale è stato bello anche se molto "wtf" xD

      Elimina
  7. A me è piaciuto fin da subito, e l'ho trovato abbastanza macabro e inquietante. Più inquietante, in effetti, ma io sono un caso a parte, mi impressiono facilmente e per questo non leggo thriller. Però Splintered mi piace tantissimo e ho già letto anche il secondo volume! Non vedo l'ora che esca anche il terzo in Italia. Morpheus è affascinante e già mi manca parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Morpheus è il miglior personaggio e, se dovessi continuarne la lettura, sarà soltanto per lui <3 altrimenti potrebbe considerarsi anche un autoconclusivo per me xD

      Elimina
  8. Io odio tantissimo il titolo che gli hanno dato a questo povero libro XD Comunque sono sempre più curiosa di leggerlo! ^^ Nonostante gli alti e bassi sembra una lettura abbastanza piacevole :)

    RispondiElimina
  9. Ogni tanto mi capita di scorrere le vecchie letture su Goodreads e penso: ma davvero ho dato tutte queste stelline a questo libro? Ora non ricordo quanto ho dato a Il mio splendido migliore amico...in realtà a mio parere per diversi elementi e come atmosfera vagamente inquietante è molto più vicino al classico di Carrol. E sull'orlo nei confronti del titolo mi unisco a Tania!

    RispondiElimina
  10. A me non è piaciuto, niente non è scattato il feeling. L'idea è bella, originale, ma lo stile dell'autrice mi ha annoiata e ho faticato tantissimo

    RispondiElimina
  11. Finalmente ho trovato qualcuno che la pensa come me! Quando è uscito questo libro avevo aspettative veramente molto alte, soprattutto perché adoro Alice in Wonderland, in più in giro leggo unicamente recensioni entusiaste, perciò diciamo che non nutrivo alcun dubbio sul fatto che anche io avrei apprezzato la storia. Invece fin dal principio è stato l'esatto opposto. Ho detestato sia Al che Jeb (lui poi è veramente tra i peggiori protagonisti maschili di sempre a mio avviso) e questi due protagonisti fastidiosi mi hanno fatto mal sopportare l'intera storia.
    Come dici tu non era poi così esageratamente macabra, anche se pare l'autrice abbia preso spunto da Tim Burton per creare la sua ambientazione. Il colpo di scena finale per me non è stato un colpo di scena, perché lo avevo intuito già da parecchie pagine prima ed il finale vero e proprio mi è sembrato campato in aria (riguardo al cambio rotta improvviso di Jeb nonostante ciò che sia accaduto prima che tornasse a casa ed il modo in cui si sono risolte le cose per la mamma di Al). Io sono stata proprio cattivella e di stelle gliene ho date due e solamente perché le prime pagine e l'idea di fondo sono quelle che mi sono piaciute di più xD
    Però siccome sono masochista è anche probabile che leggerò il seguito, più che altro perché ormai l'ho comprato -.-

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.