11 ottobre 2013

Divergent *recensione*

Buon pomeriggio divoratori!
Ma che tempaccio oggi nel mio paese, da film horror D:
Per oggi avevo programmato la recensione di The Vincent Brothers, ma poi *puff* e spunta il trailer italiano di Divergent. Così ho pensato di darmi una smossa e recensirlo ^^

Titolo: Divergent
Autore: Veronica Roth
Anno: 2011
Genere: distopico 
Editore: De Agostini
Prezzo: € 14,90
Divergent trilogy:
Divergent #1
Insurgent #2
Allegiant #3


La società distopica in cui vive Beatrice Prior è suddivisa in 5 fazioni, ognuna delle quali è consacrata a una virtù: sincerità, altruismo, coraggio, concordia e sapienza. Il momento cruciale nella vita dei cittadini è il Giorno della Scelta, che cade allo scoccare del 16° compleanno: ogni giovane sceglie a quale fazione votare il proprio futuro. Ora tocca a Beatrice, e la sua scelta non solo sorprenderà tutti, ma segnerà per sempre il suo destino. Nella fase iniziale altamente competitiva, la protagonista rinominando se stessa (Tris), lotta per determinare chi sono realmente i suoi amici, interrogandosi se la sua storia d'amore possa adattarsi alla vita che ha scelto.

Catapultata in un mondo duro e violento Beatrice scoprirà le crepe di una società che è tuttotranne che perfetta. Una società che la vorrebbe morta se scoprisse il suo segreto... PerchéBeatrice non è una ragazza qualunque, lei è una divergent. Una diversa.
Ho sempre detto che il fantasy è uno dei miei generi preferiti. Mentre il distopico è esattamente il mio genere preferito. Lo adoro perché di solito l'amore non è al centro della storia, ma in primo piano troviamo solitamente personaggi alle prese con una società tramutata in peggio col passare degli anni. Poi non manca mai l'azione, che adoro **
Dunque, torniamo a noi.
QUALI SONO I MOTIVI CHE MI HANNO FATTO AMARE DIVERGENT?

 I protagonisti.

I personaggi descritti dalla Roth colpiscono nel profondo.
Non puoi finire il romanzo senza esserti affezionata ad ognuno di loro.
Sono forti e coraggiosi, sempre pronti a rimboccarsi le maniche e a dare il meglio di sé. 
Non si piangono addosso e si sostengono a vicenda. Evidentemente non i cattivi.
Beh, quelli sono proprio cattivi quanto basta per farti venir voglia di farli fuori.
Lo stile.
Lo stile di Veronica è semplice ma mai banale.
Scorrevole tanto da farti arrivare a fine serata ed esclamare 'L'ho già finito?'.
Davvero, perché mentre leggete dimenticate tutto e diventate un Divergente, un Abnegante, un Intrepido, un Erudito, un Candido, un Pacifico. 
Ti catapulta nel mondo di Tris e 'bye bye vita sociale'.
La storia d'amore.
Non è una storia d'amore tutta baci, corpi intrecciati e altre cose da diabete.
E' una storia d'amore che si sviluppa pagina dopo pagina e lentamente va crescendo.
E naturalmente, l'azione e i colpi di scena.
Io non vorrei spoilearvi un libro, ma la Roth non ci pensa nemmeno un secondo a far fuori alcuni personaggi. Peggio della Collins.
Essendo una trilogia non si sa molto di più sul perché la società è divisa in cinque fazioni, sul come sono giunti a questa situazione. Penso che verranno approfonditi nel successivi volumi.



Consigliato sopratutto a chi ha amato Hunger Games.
In seguito vi linko il trailer ufficiale del film che uscirà a Marzo.
I protagonisti non mi fanno proprio impazzire. 
Sono sedicenni i protagonisti del libro e tra il cast scelto il più giovane avrà più di 25 anni!
Penso che Jennifer Lawrence come Tris sarebbe stata perfetta, e non lo dico solo perché amo la Lawrence!
Voi che ne pensate?





4 commenti:

  1. Ma che bella recensione, mi stai facendo amare questo libro prima ancora di leggerlo, ma sai che non ricordo se ce l'ho in libreria? Ultimamente sto battendo la fiacca per quanto riguarda l'inserimento dei libri che acquisto nel programma di gestione libreria, devo proprio controllare perchè lo vorrei leggere prima dell'uscita del film,

    RispondiElimina
  2. Ahahahah hai ragione è peggio della Collins,fa morire tutti!ATTENZIONE SPOILER:ero tristissima quando è morto Al poverino :(. io ho letto sia Divergent che Insurgent (non vedo l'ora che esca Allegant!) e devo dire che è una saga favolosa! Bellissima recensione brava :)

    RispondiElimina
  3. Io vivo, respiro e amo i distopici e quindi Divergent è nella mia wishlist da un bel po', una wishlist talmente lunga che continua ad aumentare. Mi interessa ogni aspetto di questo libro e la tua recensione ha solo aumentato il desiderio che ho di leggerlo *_*

    RispondiElimina
  4. Divergent è stato tra i primi distopici che ho letto, nonostante continuassi ad aggiungerli alla wishlist non trovavo veramente il coraggio di approcciarmi al genere. Il primo vero distopico che ho letto l'ho trovato carino ma niente di speciale, quando sono arrivata a Divergent mi si è aperto il mondo: una società così diversa dalla nostra, così come i posti, le regole. Non riuscivo proprio a metterlo giù, ci pensavo continuamente. Tris non sarà una delle mie protagoniste preferite ma è di sicuro una di quelle che apprezzo di più e anche la storia d'amore l'ho trovata "giusta", niente "odio quanto è bello, lo amo, io e lui forever" a prima vista.

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.